Programma Concertistico 2014

RELAZIONE STAGIONE 2014

TITOLO: MUSICA, MUSICA

ORGANIZZATORE: ASSOCIAZIONE GLI AMICI DI MUSICA/REALTA’

MAIN PARTNERS: Comune di Milano, Università degli Studi di Milano, Conservatorio “Giuseppe Verdi”, Università Bocconi.

LOCATION PRINCIPALI: Palazzina  Liberty, Auditorium  Di Vittorio, Università degli Studi di Milano, Conservatorio “Giuseppe Verdi” in  Sala  Puccini, Università  Bocconi.


Il titolo “musica,musica ” che l ’Associazione Gli Amici di Musica/Realtà dà alla sua
Stagione 2014,lo crediamo,grazie alla virgola fra le due stesse parole,evidente.Più
che mai qui e ora,nello stato di cose anche musicali in cui stiamo,proporre e fare
musica come da sempre,da quando sedici stagioni fa,nel 1998 qui a Milano,si è
cominciato,abbiamo concepito e praticato il fare e proporre musica fuori
dall ’abituale musicale.Ovvero comunicazione musicale criticamente contro l ’inerzia
del proporre e fare musica dominante:ovvero appunto tanto maggiormente oggi –
appunto musica virgola musica-portare all ’ascolto del pubblico compositori e lavori
musicali di ogni tempo fino a quello presente,taciuti o trascurati per non fare sapere
quanto (anche)la musica abbia sempre cercato e proposto nuove strade nemmeno
soltanto musicali o dunque per soddisfare il gusto appunto musicale di chi ascolta ma
contemporaneamente fare pensare a quanto la musica si è aperta e si apre al
cambiamento dunque possibile,reale,del mondo,dei rapporti della storia non,come
invece anche musicalmente si comunica,finita.
Di qui la diversità,propositiva,mirata,di certo capace di trovare consenso,della
Stagione 2014.Dei suoi appuntamenti alla Palazzina Liberty,all ’Auditorium Di
Vittorio,all ’Università Statale,al Conservatorio Sala Puccini più,quest ’anno
all ’Università Bocconi con una eccezionale serata che vede suonare insieme tre
pianoforti.Ma ora la diversità.A cominciare dalla prima Serata musicale del giovedì
23 gennaio alla Palazzina Liberty con il ritorno dopo diversi anni dello straordinario
Quartetto Musica/Realtà,con un programma sicuramente unico,di grande attrazione
mentre attraverso l ’800 e il 900 fino a oggi si estende a musiche di generi diversi o
tanto innovative quanto non casualmente trascurate,Gyorgy Kurtag,Armando
Gentilucci Maurizio Ferrari (novità )Astor Piazzola,Ferenc Liszt.Concerto al quale
segue,sempre alla Palazzina Liberty martedì 18 febbraio,un ’Orchestra Cantelli
anche quest ’anno diretta da Romolo Gessi e formata,questa volta,da 10 fiati e 5
archi più in un lavoro l ’elettronica,con pezzi di Antonin Dvorák,Bohuslav Martinu,
Leóš Janáček,Gabriele Manca (novità )Osvaldo Coluccino (novità ).Quindi questa
volta all ’Auditorium Di Vittorio il sabato 1 ° marzo ore 17,l ’incontro con Giovanna
Marini che intercalandosi con il figlio Francesco pregevole saxofonista e
clarinettista,ripercorre dall ’inizio,parlando e cantando,sotto il titolo “Un canto
durato 50 anni ” ,i suoi decenni di creazione delle sue uniche per originalità musicale,
qualità vocale,smascherate forza dei testi sempre di denuncia,di critica antagonista
dei rapporti culturali e sociali politici che dominano non solo in Italia,ballate.Fra
l ’altro,“Un canto durato 50 anni ” ,composto di recente,e quindi in prima milanese,
novità per Milano.
Quindi anche qui dopo anni un significativo ritorno,di Maurizio Ben Omar
percussionista protagonista della musica nuova italiana.Di nuovo alla Sala Puccini
del Conservatorio,martedì 12 marzo,nella serata intitolata “Naqqara diretto da
Maurizio Ben Omar ” ,con tre percussioni più il flautista Lorenzo Missaglia e la

Concerto di martedi 18 febbraio

Il concerto di martedì 18 febbraio, sempre alla Palazzina Liberty con un’Orchestra  Cantelli anche quest’anno diretta da Romolo Gessi e formata, questa volta, da 10 fiati e 5 archi, più in un lavoro l’elettronica, con pezzi di Antonin Dvorák, Bohuslav Martinu, Leóš Janáček, Gabriele Manca (novità), Osvaldo Coluccino (novità).


Anche questa volta,seconda Serata Musicale dell ’Associazione Gli Amici di Musica/Realtà,alla
Palazzina Liberty.Giovedì 18 febbraio ore 20.30 ingresso libero.Questa volta con l ’Orchestra
Cantelli, fiato e archi, diretta da Paolo Bertoli, impegnata in un programma vario e di sicuro
interesse.Si comincia infatti con l ’originale Serenata in re min. di Antonin Dvorák per continuare,
rimanendo nell ’est musicale europeo poco conosciuto ma già nella prima parte del secolo scorso di
sicuro interesse, con il Sonetto di Bouhslav Martinu, e per concludere il concerto con un pezzo di
Ferenc Farkas che porta nella nuova musica ungherese segnata principalmente da Bartók. Ma questa
proposit iva attenzione alle musiche dell ’Europa orientale,a musiche e musicist i dell ’Europa
orientale non abitualmente presenti nel concertismo corrente, è arricchito, quanto a propositività
anche questa volta,dei programmi dell ’AAM/R,da due novità italiane,di compositori che contano
e significano a livello europeo, e cioè Lezioni del nessundove di Gabriele Manca e Fissità,aria di
Osvaldo Colucccino. Due lavori da ascoltare per piacere e per Sapere in quale direzione va la nuova
musica italiana di oggi.

Concerto di giovedi 23 gennaio

La prima serata musicale del giovedì 23 gennaio alla Palazzina Liberty, vede il ritorno dello straordinario Quartetto Musica/Realtà, con un programma sicuramente unico, di grande attrazione mentre attraverso l’800 e il 900 fino a oggi si estende a musiche di generi diversi o tanto  innovative  quanto  non  casualmente  trascurate,  Gyorgy  Kurtag,  Armando Gentilucci, Maurizio Ferrari (novità), Astor Piazzola, Ferenc Liszt.


Inizia la stagione musicale 2014 dell ’Associazione Gli Amici di Musica/Realtà,il 23
gennaio alla Palazzina Liberty,ore 21,ingresso libero.Con il titolo “musica,
musica ”,che (chiaramente)vu ole dire fare musica fuori dal comune, per vie aperte
all ’inabituale musicale del presente e del passato.Dunque con il Quartetto Musica
Realtà proveniente dal fare musica di Reggio Emilia nei decenni Settanta-Ottanta del
tutto aperto a tutti i generi in quanto proposivi del nuovo musicale, che infatti si
presenta con un programma che prevede l ’accostamento al quartetto,nel caso della
novità di Maurizio Ferrari, del suo Quartetto d ’archi con voce su testo di Salvatore
Quasimodo, del soprano Matilde Gaia Baldoni, e del bandoneon suonato da Daniele
Donadelli nel pezzo quanto mai impegnativo Five Tango Sensation per quartetto
d ’archi e bandoneon di Astor Piazzola,che porta nella sua originale musica argentina
in cui tango argentino e nuova musica europea si coniugano nel suo comporre
affascinante. Ma Astor Piazzola a conclusione di un programma che si apre con la
citata novità di Maurizio Ferrari per continuare con Intervalli del Tempo di Armando
Gentilucci compositore e trasformatore della musica del nostro tempo aperta al
molteplice costruirsi per materiali sonori molteplici concepiti e impiegati in modo da
approdare a lavori che si pongono “oltre le avanguardia ”,e con l ’ungherese György
Kurtag che provenendo tanto da Anton Webern quanto da Béla Bartók, ha inventato
già nella Ungheria socialista un suo inedito linguaggio, un suo personale stile, del
tutto emancipato, nuovo, rispetto alle stesse avanguardie musicali del XX secolo.